ASIA VAUDO - Le Mura

ASIA VAUDO - Le Mura

COMUNICAZIONE RISERVATA AI SOCI CULTURALE BYRON BAY
--------------------------------------------
ATTENZIONE!
Per partecipare ai nostri eventi è necessario tesserarsi almeno 24h prima della serata
Non sei ancora tesserato?
Clicca qui 👉 https://bit.ly/Le-Mura
Se sei stato già associato in passato puoi chiedere il rinnovo direttamente la sera all'ingresso 👌
✅ 😷 Saranno attuate misure di contenimento del contagio Covid-19
- igienizza le mani all'ingresso e all'interno della location
- mantieni la distanza di almeno un metro con le altre persone
- indossa la mascherina, mantenere la distanza di un metro

Asia Vaudo è nata a Cassino nel 1998. Appassionata sempre di scrittura, vince i primi premi in giovanissima età. A quindici anni pubblica il primo romanzo "Neve, una storia di tenerezza" (Booksprint Edizioni, 2014). Due anni più tardi nel 2016 pubblica il secondo, "La luce bianca dei cuori danzanti".
Nel 2020 esce "Essere Altro" raccolta di racconti edita da Edizioni Ensemble. Nello stesso anno vince il Premio Nazionale di Poesia "Innesto"; riconoscimenti arrivano anche dal Premio Internazionale Alda Merini (poesia) e Michelangelo Buonarroti (racconti), e dal Premio Campiello Giovani.
Attualmente collabora con Il Cenacolo Delle Arti di Lamberto Fabbri e scrive per la rivista letteraria ClanDestino.

"Un libretto dominato nel suo procedere di prosimetro da due ossessioni: il tempo e
la purezza. Nella sua quasi morbosa disamina della vecchiezza e dell’amore, Asia Vaudo che cosa cerca?
Dar voce a un sopravvivente incanto, a un resistente perdurare di qualcosa che salva dal declinare. Questa serie di inanellati racconti e inanellati testi spezzati in quasi versi che sono una prosa singultante, una traccia di quell’inseguimento, cosa inseguono ?
Asia Vaudo non a caso racconta di un racconto, quasi a voler mettere tra sè e la materia che la ossessiona una voce altra, una possibile distanza o visuale che permetta la messa a fuoco degli elementi del
racconto che quasi tendono ad agglomerarsi in poesia, poichè forse il dilemma di tempo e purezza, di vecchiezza e amore, di finzione e densa realtà può trovaresolo nella poesia la pronuncia adeguata, evitando che si riduca a tema intrattabile divenendo invece gesto e bellezza. Perchè questa è in fondo la vera ossessione, o meglio, la vera mira di queste pagine, sfacciate, fastidiose, violente, esagerate e fantasiose: un omaggio alla bellezza, al suo inseguimento e alle sue tracce, che non danno pace ma gioia. A ogni età."
(Davide Rondoni)